17:36

Giovedì 2 Ottobre 2008

Ultimo giorno a Parigi. Avevamo solo la mattina disponibile, perchè poi nel pomeriggio dovevamo prendere l'aereo e abbiamo deciso di andare a vedere Montmartre. Andrea mi aveva un pò avvisato del posto ... pittori che cercano di farti un ritratto... zingari che cercano di rubarti il portafoglio ecc e devo ammettere che mi ero fortemente allarmata. Non abbiamo preso la funicolare, dove tanti anni prima ad Andrea una bimba aveva cercato di grancirgli il portafoglio e siamo andati a piedi. La vista è meravigliosa, i gradini decisamente meno, mi ricordavano Bonaria, ma i gradini erano di più. Nella chiesa era proibito fare foto, il chè mi ha lasciato basita... posso fare foto al Louvre, a Notredame e non posso qui?
Montmartre
Comunque paese che vai, usanze che trovi no? Dopo aver fatto diverse foto al paesaggio, le classiche foto cartolina ci siamo diretti al famoso cimitero. Il cimitero è enorme e noi purtroppo eravamo sprovvisti di cartina per non perderci tra le tombe. In ogni caso abbiamo saluta Emile Zola, che non è parente del nostro famoso calciatore, Godefroy Cavaignac, Loise Weber, dite La Goulue, creatrice del cancan francese,Arrigo Beyle meglio conosciuto come Stendhal e molti altri. Alcuni mausolei sembravano vere e proprie case! Mentre passeggiavamo abbiamo anche visto alcuni che giravano un film, peccato non capissi niente di francese!
Alla fine della passeggiata, abbiamo un pò girato tra le vie e poi preso la metro per poi dirigerci in aeroporto.
Parigi è una città bellissima, i suoi abitanti un po' meno :).
Non ho apprezzato particolarmente il loro cibo, fatta eccezione per i croissant, meravigliosi, le baguette e il pane in generale. Le crepe preferisco quelle giapponesi.
Per il patrimonio artistico dedica sicuramente un'altro viaggio e spero che per allora la criminalità sia diminuita. Troppi bambini zingari in metro che cercano di rapinarti e poi anche nelle vie... creano particolari trucchi per distrarti e fregarti il portafoglio. In alcuni posti come vicino alla tour eiffell è pieno di polizia e non so se questo sia rassicurante o no.
La prossima volta che tornerò includero anche Euro Disney e vi saluterò Topolino.

16:08

Mercoledì 1 Ottobre 2008

Dopo aver comprato i biglietti il giorno prima, per evitare la fila siamo andati a vedere Louvre. Il museo è meraviglioso ed immenso, perciò abbiamo stabilito prima che cosa vedere in modo tale da non ansiarci nel vedere tutto e non riuscire a godere anche del poco che in una giornata solamente si possa andare a vedere. Del resto ci vorrebbero 6 mesi per poterlo vedere tutto e noi avevamo solamente una giornata.
Mentre entravo nella piramide
Pyramid

mi sono immediatamente ricordata del remake Belfagor...chissà se avrei incontrato la mummia mentre cercavo il Santo Graal. Il codice da Vinci dava delle indicazioni così esatte...
A parte la ricerca del famoso calice, avevamo deciso di vedere L'arte egizia, quella italiana compresa la gioconda e Bosh, uno dei miei pittori preferiti. Per prima cosa ci siamo imbattuti nella Nike di

Samotracia, una scultura meravigliosa, peccato per la perdita della testa
La Nike di Samotracia.

E qui sono iniziate le lotte con i giapponesi per riuscire a fare le foto :). Uno dei miei primi obiettivi era sicuramente la Gioconda. Sapevo che a molti aveva deluso, perchè si aspettavano un quadro enorme e del resto non è di certo il quadro che preferisco di Leonardo, ma non potevo non vederla. Quando sono arrivata ho dovuto sgomitare un po' per riuscire a vederla, ma alla fine ci sono riuscita, era lì, brutta, dal frontone immenso e sorridente. Ho cercato di farle qualche foto, ma purtroppo ero troppo lontana. Bizzarro che solo lei sia protetta così ossessivamente.
Tra le sculture più importanti che abbiamo visto: la Venere di Milo
Venere di Milo,
lo schiavo di Michelangelo Lo schiavo
e la bellissima Amore e Psiche
Amore e Psiche.
Io non amo particolarmente la scultura, ma queste statue sono bellissime, valeva il viaggio a Parigi anche solo per vedere loro.
Abbiamo visto inoltre il codice di Hammurabi, che mi ha riportato di colpo alla prima media e che mi sono soffermata a leggere tutto e diversa arte musulmana. Non mi sono fatta mancare la visita dell'arte egizia, che trovo meravigliosa e interessantissima. Qui ho visto per la prima volta animali mummificati, gatti, coccodrilli e molti altri e mi sono immaginati i miei mici fasciati in quel modo dopo la morte e tenuti in salone.... mmmm direi di no. E naturalmente abbiamo visto quanti più quadri era possibile, tra i quali Le nozze di Cana e l'incoronazione di Napoleone. Alla fine ero distrutta, i miei piedi mi hanno abbandonati e siamo usciti per dirigerci ai giardini delle Tuileries
Giardini delle Tuileries
dove ci siamo soffermati e mangiare una delle tante famose baguette.
Nel pomeriggio ci siamo riposati in una famosa sala da the consigliatami da un collega che ha vissuto diverso tempo a Parigi, il suo nome è Mariage Freres. All'interno della sala vendono centinaia di tipi diversi di thè, e subito ho fatto diversi acquisti per me e per la mia famiglia. Per decidere quale thè scegliere ci abbiamo messo circa 20 min, tanta era la scelta disponibile. Tra l'altro nel tavolo c'era una piccola guida che indicava i tempi di cottura per ogni tipo di thè, cavoli e io che pensavo bastasse solamente bollire l'acqua!
Consiglio a chiunque in andarci, è un posto squisito.
La sera abbiamo girato un pò random e siamo tornati in albergo a preparare le valigie, perchè il viaggio volgeva al termine.

Related Posts with Thumbnails